Cartellone pubblicitario del Parco del Cilento a Battipaglia. Tommaso Pellegrino: “Polemica surreale”

“Battipaglia non è Cilento, nulla hanno a che fare con il Cilento geograficamente, storicamente, culturalmente. Rimoviamo questo cartello improprio”. Costabile Nicoletti, amministratore di Castellabate, è solo uno dei tanti cilentani rimasti indignati quando sui social è stata pubblicata la foto del nuovo cartello posto all’ingresso di Battipaglia quale “porta d’ingresso” del Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni, patria della Dieta Mediterranea. Dal web tante le contestazioni all’iniziativa. Intanto sulla vicenda è intervenuto il Presidente del Parco, Tommaso Pellegrino, che definisce le polemiche “surreali” . L’intento è quello di promuovere il territorio in vari punti strategici del Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni. Il manifesto posizionato a Battipaglia, infatti, rientra nell’ambito di una campagna pubblicitaria e lo specifica lo stesso Pellegrino. “Quel cartello, sottolinea Pellegrino, è uno spazio pubblicitario posizionato in un punto strategico all’uscita dell’autostrada e non vuole ridefinire assolutamente i confini del Parco. Si tratta di un’immagine momentanea posizionata in un punto dove passano circa 60 mila auto dirette verso il Cilento. Mi chiedo, aggiunge Pellegrino, quando abbiamo pubblicizzato il Parco all’Aeroporto di Capodochino abbiamo messo i confini del Parco a Napoli? Davvero una polemica surreale, chiosa Pellegrino. Lo spazio, aggiunge infine il presidente dell’Ente, nonché consigliere regionale, è stato messo a disposizione in modo gratuito dal Comune di Battipaglia e verrà riutilizzato in futuro anche per altre iniziative pubblicitarie”.

Read Previous

Covid: verso Pasqua ‘rossa’, Viminale intensifica controlli

Read Next

“Troppa ansia e depressione con la Dad”: allarme di neuropsichiatra Asl Salerno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: