Camerota: a Ottobre le parole di Attanasio, l’ambasciatore ucciso in Congo

A Camerota, in occasione del premio internazionale “Nassiriya per la pace”, l’ambasciatore Attanasio parlò della pericolosa missione in Congo

A Camerota, nel Cilento, Luca Attanasio in occasione del ricevimento del premio internazionale “Nassiriya per la pace”, aveva parlato della sua missione in Congo.  L’ambasciatore d’Italia nella Repubblica democratica del Congo, è morto oggi in un attacco a un convoglio Onu in Congo. Il diplomatico, 43 anni, era uno degli ambasciatori italiani più giovani nel mondo.

Come riporta La Repubblica, l’ambasciatore viaggiava in un convoglio formato da due veicoli del World Food Programme  che comprendeva anche il Capo Delegazione Ue: a bordo c’erano in tutto 7 persone.

“Quella dell’ambasciatore è una missione, a volte anche pericolosa, ma abbiamo il dovere di dare l’esempio”. Furono queste le parole Attanasio rilasciò a Camerota. Succedeva il 12 ottobre scorso, in occasione del ricevimento del premio internazionale “Nassiriya per la pace”. La locale associazione culturale “Elaia” consegnò il premio. “In Congo – proseguiva Attanasio – parole come pace, salute, istruzione, sono un privilegio per pochissimi, e oggi la Repubblica Democratica del Congo è assetata di pace, dopo tre guerre durate un ventennio”.

A lutto tutta l’Italia. Immediati i messaggi di cordoglio da parte anche del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del Presidente del Consiglio, Mario Draghi.

Read Previous

Battipaglia ed Eboli: l’intesa sui ticket dello Scuolabus pone fine alla “vergogna”

Read Next

Salernitana, Tutino è già in doppia cifra: ad Ascoli la seconda doppietta stagionale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: