Dal 18 maggio tornano le messe con fedeli, raggiunto accordo

Dal 18 maggio le messe potranno di nuovo essere celebrate nelle chiese e parrocchie con fedeli e riti dal vivo e non più solo in streaming. Inizia così la Fase 2 anche per i credenti e per tutti coloro che vogliono recarsi all’ascolto spirituale. La decisione del Governo di rimandare a dopo il 4 maggio la santa messa aveva messo laCEI sul piede di guerra.

Le modalità delle messe messe dal 18 maggio

Nei dettagli la messa dovrà svolgersi secondo un protocollo preciso con il distanziamento sociale e mascherine. L’Ostia dovrà essere assunta senza contatto diretto e all’entrata della chiesa dovrà esseri la possibilità di igienizzazione delle mani. Il Governo raccomanda anche che laddove si può la funzione religiosa si svolga all’aperto.

Il testo dell’accordo “giunge a conclusione di un percorso – sottolinea la Cei – che ha visto la collaborazione tra la Conferenza Episcopale Italiana, il Presidente del Consiglio, il Ministro dell’Interno – nello specifico delle articolazioni, il Prefetto del Dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione, Michele di Bari, e il Capo di Gabinetto, Alessandro Goracci – e il Comitato Tecnico-Scientifico”.

Il Protocollo è risultato “di una profonda collaborazione e sinergia fra il Governo, il Comitato Tecnico-Scientifico e la Cei, dove ciascuno ha fatto la sua parte con responsabilità», evidenzia Bassetti, che conferma e assicura “l’impegno della Chiesa a contribuire al superamento della crisi in atto”.

Dunque la prima domenica con la messa a cui si potrà partecipare sarà il 24 maggio

Read Previous

Battipaglia, Bruno e Frusciante sul mercato: “Attendiamo la Regione”

Read Next

Animali vaganti: catturata mandria di 70 bovini, blitz tra Ottati e Castelcivita

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: