Pontecagnano, cittadino sciopera nei pressi del Municipio: “Voglio il lavoro”

Sciopero della fame a Pontecagnano Faiano. V.M., 32 anni, ha deciso di incatenarsi alle panchine nei giardini del Municipio  intimando di iniziare lo sciopero della fame e della sete: esige il diritto di lavorare.

“Sto cercando lavoro da diverso tempo e non riesco a capire perché non mi fanno lavorare. Ho deciso di fare la protesta con le catene perché qui nessuno mi ascolta. Io ho due bambine e una moglie. Ho sempre lavorato per 10 anni, 3 mesi all’anno. Da circa due anni non mi fanno lavorare perché ho votato per l’opposizione. Se sono arrivato a questa scelta è perché la mia situazione è davvero grave. Aiutassero le persone che hanno reddito pari a 0” ecco quanto afferma il 32enne di Pontecagnano Faiano a Zerottonove.it.

La situazione risulta essere tragica e ogni giorno numerose persone lamentano la mancanza di lavoro e di inattività, ancora di più in un periodo di emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. LAmministrazione di Pontecagnano Faiano ha dimostrato spirito di organizzazione e supporto con pacchi alimentari e attraverso le donazioni da parte dei privati,  nei confronti dei tanti cittadini in difficoltà, ma il malcontento economico lamentato da V.M., risale a molto prima dell’emergenza. 

Ecco che in diretta Facebook, il 32enne attende, incatenato alle panchine comunali, che qualcuno gli dia una risposta.

Read Previous

Battipaglia. Frusciante e Bruno: al mercatino non più di 35 utenti

Read Next

Si allentano i divieti e il fiume Sarno torna una cloaca

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: