Battipaglia ,un’altra settimana senza asporto: l’ira dei gestori

La delusione di chi aveva organizzato il lavoro, sanificato i locali, con la speranza di ripartire

E’ stata firmata nella tarda serata di ieri l’ennesima ordinanza dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, sulle norme da seguire in vista della Fase 2. Se in un primo momento, De Luca aveva dato il via libera all’asporto per i locali in Campania, ieri il cambio di direzione. 

Da lunedì 4 maggio e fino a domenica 10, resta in vigore per pizzere, bar, pub, ristoranti, la sola consegna a domicilio. Vietato l’asporto per un’altra settimana. Una notizia che non è stata presa nel migliore dei modi da molti gestori di locali salernitani che, in questa ultima settimana di lockdown, avevano iniziato ad organizzarsi in vista dell’asporto. E’ il caso del noto pizzaziolo salernitano Vincenzo Mansi che, in un duro sfogo sul suo profilo Facebook, ha manifestato il suo dissenso e delusione nei riguardi di questa decisione.

“Oltre il danno pure la beffa. Abbiamo provveduto alla sanificazione dei locali, visite mediche. Ci siamo organizzati per fare la spesa daccapo visto tante cose che abbiamo dovuto buttare, come salumi e formaggi. Per organizzare e riaprire ci vogliono soldi. Soldi che avremmo potuto conservare e fare la spesa per un’altra settimana. Per non parlare della speranza che abbiamo dato ai nostri dipendenti. Questo modo di operare non è corretto, non è rispettoso verso chi la notte non chiude occhio pensando a cosa c’è dietro ad una attività commerciale e pensando al futuro.Questa notte sarà un’altra notte in bianco con un’unica differenza, che oltre ad essere svegli saremo anche arrabbiati e delusi”. Scrive Mansi. 

Un pensiero che è stato condiviso dalla maggior parte dei gestori Battipagliesi e di tutta la provincia . Gli stessi che la settimana scorsa si erano recati al Comune di Salerno per lasciare, simbolicamente, le chiavi delle attività al sindaco Napoli e all’assessore al Commerdio Dario Loffredo. Un gesto simbolico, di protesta per dire “a queste condizioni, noi non apriamo”.

Read Previous

COVID-19, LA SITUAZIONE NELLE PROVINCE AL 01-05-2020

Read Next

Mascherine, attività motoria e rientro in Campania: ecco l’ordinanza della discordia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: