Battipaglia dice Basta, 8 i punti per la soluzione dei problemi ambientali

Protesta contro l’inquinamento ambientale, presentata la manifestazione di venerdì 6 dicembre 2019. Conferenza stampa stamani alle 12,00 nella sede di Via Strauss di Confagricoltura. A fare gli onori casa Antonio Costantino (nella foto al centro), presidente provinciale dell’importante organizzazione degli agricoltori. Alla sua destra l’architetto Massimo Sorvillo, in rappresentanza della Confcommercio, a sinistra in rappresentanza del Comitato Battipaglia dice No l’avvocato Stefania Apostolico. “La nostra è una manifestazione a salvaguardia dell’ambiente e non di uno sciopero – dichiara Antonio Costantino –. Non è solo una protesta ma avendo elaborato un documento programmatico contenente ben 8 punti dobbiamo sul potenziamento delle condizioni ambientali in città, dunque, parliamo anche di una vera e propria proposta. L’interlocutore principe è il sindaco e il Consiglio Comunale. Certamente Provincia e Regione hanno delle competenze istituzionali in materia e non possono essere ignorate. Personalmente, per cercare di smussare alcune posizioni divergenti tra i comitati e l’Amministrazione comunale, ho voluto incontrare consiglieri, assessori e sindaco. Da una serie di confronti è venuto fuori un solo documento, che sarà consegnato nelle mani della sindaca di Battipaglia al fine di condividere un percorso per la soluzione delle problematiche ambientale che attanagliano la città”. Questi i punti: 1) no all’impianto di compostaggio all’interno dello Stir; 2)dichiarazione di Battipaglia quale zona non idonea alla localizzazione di impianti di recupero e smaltimento di rifiuti; 3) Pianificazione territoriale del Comune di Battipaglia finalizzata ad escludere la localizzazione di nuovi impianti di trattamento rifiuti nonché varianti di incremento alla capacità di trattamento degli impianti esistenti; 4) Stop ai miasmi; 5) Controllo degli impianti e del territorio; 6) richiesta alla regione Campania che per ciascuna impresa venga effettuata una valutazione di impatto ambientale ex post; 7) bonifica del territorio; 8) pulizia e decoro urbano. Solo per la cronaca, la sindaca di Battipaglia che ufficialmente qualche ora prima ha tenuto una conferenza sullo stesso problema ha scaricato tutte le responsabilità su Provincia e Regione. Non ha fatto alcun cenno alla manifestazione del 6 dicembre; pertanto, molto probabilmente non scenderà in piazza come l’ultima volta assieme ai comitati e alle organizzazioni datoriali. Il documento chiude con la sottolineatura di “non avere alcuna preclusione verso la politica e verso chiunque si impegni attivamente a riconoscere ogni punto del documento. Chiunque è benvenuto alla manifestazione“. Purché resti fuori dall’organizzazione!!!  

Read Previous

Pagani: due avvocatesse si picchiano in strada

Read Next

Di Pasquale da record: 200 gol in carriera per il bomber del Macchia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: