I vertici Enac visitano lo scalo di Napoli mentre Salerno aspetta il Tar

I vertici dell’Enac in visita agli aeroporti nazionali. Prosegue spedito il programma di incontri e visite istituzionali dei vertici dell’Enac presso gli aeroporti nazionali, gli operatori e l’industria del settore. Il presidente dell’Enac Nicola Zaccheo nella giornata di ieri ha visitato l’aeroporto di Napoli Capodichino, accompagnato da una delegazione dell’Ente composta da Claudio Eminente vice di rettore Centrale Vigilanza Tecnica; Fabio Marchiandi, direttore Centrale Economia e Vigilanza Aeroporti; Gennaro Bronzone Direttore Operazione Sud, Giuseppina Lacriola, direttore Aeroportuale Campania. Lo scrive Le Cronache oggi in edicola Dopo un incontro con il personale territoriale, si è svolta una riunione con la società di gestione Gesac a cui hanno partecipato l’amministratore delegato Roberto Barbieri e il Comitato di Direzione della società. La riunione ha rappresentato l’occasione per fare il punto sui principali investimenti e sulle opere in corso presso lo scalo napoletano, nonchè per un confronto sull’aeroportualità della Regione Campania e sul potenziale di sviluppo coordinato del traffico aereo regionale. Lo scalo di Capodichino, infatti, ha registrato negli ultimi anni una crescita del traffico, in termini di movimenti e passeggeri, superiore alla media italiana. La sostenibilità dell’aeroporto, che si trova in un contesto densamente urbanizzato, potrà essere assicurata anche attraverso una ridistribuzione del traffico sulla rete aeroportuale campana con una delocalizzazione funzionale di alcuni voli sullo scalo di Salerno. Per consentire lo sviluppo della rete, la società di gestione ha presentato nel 2018 all’Enac la revisione del Master Plan dell’Aeroporto di Napoli sviluppato all’orizzonte temporale del 2023, con una previsione di traffico a fine piano pari a 11 milioni passeggeri all’anno e 84 mila movimenti all’anno. Il piano è stato sottoposto dall’Ente a una verifica di compatibilità ambientale, tuttora in corso, presso il Ministero dell’Ambiente e del Territorio e del Mare, per comprendere se l’aumento del traffico previsto nello strumento di pianificazione sia effettivamente sostenibile. In merito agli interventi previsti nel breve termine, il Contratto di Programma stipulato tra l’Enac e la società di gestione, prevede per il periodo tariffario 2016- 2019, investimenti pari a circa 70 milioni di euro. Intanto, per il Salerno Costa d’Amalfi si attende la sentenza del Tar sull’ampliamento dello scalo salernitano.

Fonte Le Cronache

Read Previous

Capaccio, scippò anziana e investì un finanziere: condannato rumeno

Read Next

Maxi concorso Regione Campania: ritardi, ricorsi e polemiche

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: